Ristrutturazioni immobiliari ed energia rinnovabile

Ristrutturazioni immobiliari in contesti condominiali: i limiti operativi e le opportunità delle Fonti Energetiche Rinnovabili

Ristrutturazioni immobiliari in contesti condominiali

Ristrutturare casa situata in contesti condominiali richiede una corretta definizione dei limiti operativi, considerando gli effetti che tali interventi possono apportare al decoro architettonico dell’intero condominio.

Il Codice Civile permette l’installazione di impianti rinnovabili a beneficio dei singoli appartamenti, anche sulle aree comuni del condominio. Ogni condomino può installare pannelli fotovoltaici sul tetto condominiale, a condizione che ciò non comprometta la stabilità e/o il decoro architettonico dell’edificio, tutto a favore dell’ecosostenibilità.

La sentenza della Corte di Cassazione n. 1337 del 17 gennaio 2023 ha stabilito che: “[…] è consentita l’installazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili destinati al servizio di singole unità del condominio sul lastrico solare, su ogni altra idonea superficie comune e sulle parti di proprietà individuale dell’interessato, a condizione che non venga compromessa la stabilità e/o il decoro architettonico dell’edificio.

In questo modo, la Corte ha chiarito che l’assemblea condominiale non può negare il permesso di installare un impianto di Fonti Energetiche Rinnovabili, a meno che l’intervento comporti modifiche alle parti comuni.

Energia rinnovabile e decoro condominiale

Solo nel caso in cui sia dimostrato che l’installazione dei pannelli da parte del condomino possa danneggiare il decoro architettonico dell’edificio o comprometterne la stabilità o la sicurezza, l’assemblea può intervenire per interrompere i lavori o richiedere la rimozione dell’impianto.

In assenza di tali ostacoli, non è possibile impedire al singolo condomino di utilizzare il tetto o il lastrico, anche senza autorizzazione dell’assemblea, per installare l’impianto fotovoltaico.

Secondo una consolidata giurisprudenza, la delibera contraria dell’assemblea ha solo valore consultivo e non può arrecare pregiudizio concreto al proprietario dell’immobile, il quale ha pieno diritto di installare i pannelli, così da rendere la propria casa sostenibile. “Il singolo proprietario deve semplicemente informare il condominio e l’amministratore, presentando il progetto corrispondente che potrà essere modificato solo se ritenuto dannoso”.

Impianti energetici a uso personale

Attualmente, sono disponibili sul mercato pannelli solari che si integrano perfettamente con le linee architettoniche di qualsiasi edificio, senza comprometterne l’estetica.

Pertanto, se l’installazione dei pannelli solari non altera né l’estetica né la struttura dell’edificio, qualsiasi condomino può richiedere e ottenere l’autorizzazione per l’installazione di un impianto a uso personale.

A cura dell’Avvocato Daniela Lombardi

Related Posts

Leave a Reply