Rottamare un veicolo sottoposto a fermo amministrativo?

Il tuo veicolo è in fermo amministrativo?

Fermo amministrativo

Spesso può accadere che un’automobile venga sottoposta a un fermo amministrativo da parte dell’Agenzia delle Entrate e Riscossione a causa di tributi, sanzioni o bolli non pagati.

Questo fermo, com’è noto, impedisce all’auto di circolare, pena un’ulteriore salatissima sanzione amministrativa oltreché il sequestro del veicolo. Inoltre, un’auto con fermo amministrativo non può essere venduta senza prima cancellare il fermo stesso, il che richiede il pagamento delle cartelle esecutive alla base del fermo.

Tuttavia, molti non sono a conoscenza del fatto che è possibile rottamare l’autovettura soggetta a fermo amministrativo anche senza saldare il debito derivante dalle cartelle esattoriali. Infatti, per procedere alla rottamazione del veicolo non è obbligatorio saldare le cartelle relative al fermo.

È sufficiente che il soggetto che si occupa della rottamazione, fornendo prove fotografiche e dichiarazioni a supporto, certifichi all’Agenzia delle Entrate che ha preso in carico l’auto per la sua definitiva radiazione.

Rottamare l’auto sottoposta a fermo amministrativo

In questo modo, il veicolo verrà ufficialmente radiato e, con esso, decadrà il relativo fermo amministrativo.

È importante, tuttavia, sottolineare che questa procedura riguarda esclusivamente la rottamazione dell’auto e non risolve a monte il problema delle cartelle esecutive, che dovranno essere regolarizzate separatamente per evitare ulteriori conseguenze legali.

In conclusione, se si desidera rottamare un’automobile con un fermo amministrativo, è possibile farlo senza dover necessariamente saldare le cartelle che han dato origine al fermo.

Sarà invece sufficiente seguire la procedura corretta, in collaborazione col rottamatore, e fornire le prove richieste all’Agenzia delle Entrate per la radiazione definitiva del veicolo.”

Avete avuto problematiche di questa natura? Se si, non esitate a contattarci, possiamo chiarirvi i concetti ed aiutarvi a risolvere il problema.

Related Posts

Leave a Reply